Sei in: Ignora collegamenti di navigazioneHome > News-Primopiano

RESTAURO CONSERVATIVO AFFRESCHI DELLA CUPOLA DEL SANTUARIO
Indietro


 
E' stata ultimata in questi giorni la pulitura a secco della metà superiore della cupola e del tamburo e si sta procedendo con la pulitura a vapore e carbonato di ammonio.
 

Su parte degli affreschi è stato altresì realizzato il consolidamento del colore che negli anni si è sollevato e distaccato nonché il consolidamento di profondità degli intonaci distaccati dal supporto. Si sta inoltre procedendo al consolidamento delle dorature sollevate sulle cornici del tamburo.

Le zone interessate dalle infiltrazioni sono già state trattate per dilavamento ed in alcuni punti si è proceduto all'estrazione dei sali solubili mediante impacchi.

 Il montaggio del ponteggio è stata un’impresa impegnativa, data l’altezza di più di 50 metri: a partire dal Sacro Speco salendo in alto fino alla lanterna. Una installazione necessaria per completare l’ultima fase dei restauri dell’intera basilica, iniziati 15 anni fa a partire dalla navata maggiore, quella minore e il transetto sud e proseguiti nel 2018 con il transetto nord. 
 
Grazie a quanti hanno contribuito con le proprie offerte a sostenere l'opera e quanti continueranno a farlo. Il problema della spesa a cui far fronte è grande e ha bisogno del contributo di tanti per essere sostenuta. Per questo si fa affidamento alla generosità di quanti hanno a cuore questo grande e solenne Santuario, soprattutto la Grande Signora che lo abita, così generosa nell'ascoltare e nell'esaudire. L'opera in parte è sostenuta dal contributo di Regione Lombardia.


La spesa prevista è di circa 400mila euro. La Regione Lombardia ha stanziato 150mila euro, la restate parte sarà a carico del  Santuario, anche grazie alla generosità di chi vorrà sostenere la cura della casa di Maria.

STORIA E ARTE

I pennacchi della cupola dipinti dal Moriggia cominciano a prender vita dal 1846, con la raffigurazione di quattro “storie” dell’Antico Testamento in cui sono protagoniste quattro “donne forti”, modelli esemplari delle quattro virtù cardinali: prudenza (Abigail), giustizia (Ester), fortezza (Giuditta), temperanza (Rut). Ospite del sacerdote patriota Giuseppe Mandelli, sagrista del Santuario, Giovanni Moriggia, al quale erano stati commissionati gli affreschi della cupola, lavora quasi in clandestinità dal 1851 al 1854, e quasi in clandestinità fa scalpellare le nervature della tazza della cupola per potervi dipingere senza discontinuità l’apoteosi e gloria di Maria.

 
  
Perché possa essere più comodo, di seguito L'IBAN in formato testo: 
IT95L0844152770000000000012